Differenza tra part-time verticale e orizzontale

Il mondo del lavoro cambia velocemente e presenta moltissime sfumature che pochi conoscono, come quella fra part-time verticale e orizzontale.

Qual è la differenza fra queste due tipologie di contratto lavorativo e come funziona in concreto? Proviamo a scoprilo insieme.

Part-time verticale e orizzontale: cos’è e come funziona

Partiamo dalle basi, definendo cos’è il part-time.

Con questo termine si indica un rapporto di lavoro subordinato, caratterizzato da un particolare orario di lavoro.

Quest’ultimo infatti viene ridotto di diverse ore rispetto a quello che normalmente viene previsto nei contratti collettivi.

Un contratto part-time può essere sia a tempo determinato che indeterminato e deve necessariamente figurare per iscritto.

Nel contratto di assunzione va indicata la collocazione temporale dell’orario, con riferimento a giorno, mese ed anno, e la durata della prestazione lavorativa.

Il lavoratore assunto part-time ha la possibilità di fare gli straordinari, a patto però che non superino l’orario di lavoro di un dipendente a tempo pieno.



Part-time verticale e orizzontale: le differenze

Esistono varie tipologie di part-time, con forme di contratto molto diverse fra loro.

Prima di tutto possiamo citare il part-time orizzontale.

Si tratta del classico lavoro che dura circa mezza giornata (solitamente 9-13) e dura tutta la settimana.

Nel part-time verticale invece il lavoratore è impegnato solo in alcuni giorni della settimana, secondo l’orario dei dipendenti full time.

Ciò significa che può lavorare otto ore al giorno per tre giorni a settimana oppure solamente alcune settimane del mese.

Al part-time verticale e a quello orizzontale, si aggiunge la forma mista. In questo caso è possibile unire le regole dei due sistemi.

Ad esempio il lavoratore è operativo per mezza giornata, ma solo in alcuni giorni oppure lavora tutta la settimana e in alcuni giorni solamente dalle 14 alle 18.

In conclusione dunque la differenza è molto semplice:

  • nel part-time verticale, il dipendente lavora tutte le ore della giornata, ma non per tutta la settimana
  • nel part-time orizzontale, il lavoratore è a disposizione tutta la settimana, ma non tutte le ore della giornata.

Le differenze e la possibilità del cumulo


Pochi lo sanno, ma quando si parla di part-time è possibile cumulare più contratti di lavoro di questo tipo, anche se sono stati stipulati con differenti datori di lavoro.

Le uniche regole da rispettare in questo caso sono:

  1. la durata massima settimanale della prestazione lavorativa.
  2. il diritto ad un riposo giornaliero (pari a 11 ore ogni 24 ore).
  3. il diritto ad un riposo settimanale (pari a 24 ore ogni 7 giorni).

Per questo motivo il dipendente deve sempre comunicare la propria posizione al datore di lavoro, sottolineando il numero delle ore in cui gli è possibile prestare servizio.

Sei sei in cerca di un lavoro part-time, che sia orizzontale o verticale, puoi consultare la nostra sezione  offerte di lavoro part-time e trovare l’offerta con l’orario di lavoro più adatto a te.